Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Per acconsentire all'uso dei cookies e proseguire nella navigazione cliccare sul pulsante OK.

Per leggere l'informativa sulla privacy, cliccare sul pulsante INFORMATIVA e poi sul pulsante OK.

Stampa
Categoria principale: 12. Gesù e la Chiesa oggi
Categoria: 4. La Chiesa e il mondo del lavoro
Visite: 1972

Molti considerano la scuola una perdita di tempo perché ritengono che le materie di studio e le conoscenze che vengono trasmesse non siano utili per la vita. Altri, forse, frequentano la scuola passivamente e attendono con impazienza che essa finisca.

La risposta più semplice è che lo studio ti prepara ad affrontare gli impegni futuri e ad inserirti, un domani, nel mondo del lavoro, ma la vera risposta è molto più complessa.

L’impegno quotidiano vissuto nella scuola aiuta innanzitutto a conoscere se stessi e il mondo circostante, insegna ad assumere delle precise e spesso gravose responsabilità, aiuta a comprendere il proprio ruolo all’interno della società. La scuola ti offre così la possibilità di dialogare con i tuoi compagni e con gli insegnanti, di misurarti con loro, di vivere la tua vita e il tuo impegno da persona pronta a ricevere tanto dagli altri e a donare agli altri la tua ricchezza interiore.

Per questo anche lo studio è un lavoro e deve mantenere del lavoro gli aspetti positivi che arricchiscono l’uomo.